Trapunta lana: la coperta della mamma

L’oggetto di questo post, la trapunta di lana della mamma, per me ha un significato particolare. E’ la coperta matrimoniale, “imbottita” come l’ho sempre sentita chiamare  in abruzzese, di lana di pecora facente parte del corredo di mia suocera. Con questa usava preparare il nostro letto quando venivamo  in inverno con la famiglia a passare il Natale. Ricordo il tepore che sprigionava anche se addosso aveva il suo bel peso. Probabilmente risalente all’età del suo matrimonio, fine anni quaranta, era stata confezionata e trapuntata a mano, con una stoffa similmente rasatello  color rosa ormai scolorita e rammendata in diversi punti. Quando insieme alla mie cognate abbiamo tristemente ripulito la casa e diviso i ricordi ho chiesto e ottenuto questa trapunta. Avevo già un progetto in mente, smembrarlo per realizzare una trapuntina scaldapiedi matrimoniale per ogni figlio in ricordo della mamma. Primo passaggio scucire tutto il trapunto a mano per recuperare la lana; è stato un lavoro faraonico al quale ha partecipato anche mio marito.

trapunta lanaPoi ho portato la lana in un negozio per il lavaggio e la cardatura, ne aveva ovviamente bisogno. Quando ho espresso il mio progetto alla signora Sabrina della Winbed si è offerta di preparare la lana in strisce anzichè in fiocco, non sapevo nemmeno si potesse fare! molto più comodo ed uniforme sarebbe stato poi inserirla nel sacco. La lana è bellissima ed ora sono ancora più contenta di averla recuperata.

trapunta lanaA questo punto ho dovuto coinvolgere le cognate per la scelta della stoffa e così ognuno ha il suo trapuntino personalizzato.

trapunta lana

 

trapunta lana

Per questo in particolare  per evitare che i gattini facessero una strage nei fiocchi li lana abbiamo pensato di metterci i bottoni, allora abbiamo pensato di rimanere in linea con la stoffa patchwork mettendo tutti bottoni diversi e cambiando l’utilizzo da trapuntino per i piedi in testata del letto.

trapunta lana

trapunta lana

Questa è la mia.. Sono molto felice  di aver fatto questo lavoro e di averlo condiviso con i miei cognati, sembra banale, ma  aver diviso la trapunta mi da la sensazione che la mamma ci avvolga tutti ancora con il suo amore.

Dalmazia Lodi Rizzini

Dalmazia Lodi Rizzini

Sono passati tanti anni da quando appresi i primi rudimenti di ricamo dalle suore dell’oratorio… Ho capito sin da allora il valore che ha per me quest’arte: mi rilassa, mi meraviglia, mi fa crescere con lei ogni giorno. Amo dare gioia alle persone che ricevono le mie opere e amo realizzarle per i bambini, per rendere omaggio alla loro nascita o per accompagnarli nella loro crescita! Amo la mia famiglia e l’ispirazione che mi dà! Ecco cos’è il ricamo per me… Un compagno di vita che prende forma nel cuore e scaturisce dalle mani! Ecco i link per i miei canali Facebook & Instagram Passate a salutarmi e magari lasciatemi un “Like”.

One Comment

Lascia un commento